Accompagnamento
Lo strumming
Esempi
Costruzione



...search in soundme:
  
Ricerca personalizzata


Esempi di accompagnamento acustico

Vediamo ora di analizzare, attraverso dei brevi esempi musicali, le nozioni trattate nella precedente pagina, facendo riferimento, come già detto, alle principali nozioni ritmiche e armoniche necessarie per affrontare gli esempi trattati in queste pagine.



Example 1

Osserviamo, a ascoltiamo, un tipico strumming fatto sull'accordo di G, la cui diteggiatura è indicata nel grafico sotto la partitura. La ritmica, come vedete, è molto semplice, ed è suonata con una chitarra acustica (Bozo USA 1977, registrata in diretta tramite un semplicissimo shure SM57), utilizzando un plettro JD 0.70 di medio spessore.
La posizione del plettro potrebbe influire in modo evidente sul suono globale. Più la pennata è vicina al ponte, più il suono risulta metallico, mentre avvicinandosi al manico il suono risulta più corposo. A volte può essere utile cambiare la posizione della pennata durante l'esecuzione, per variarne il colore del suono.


Play and listen to mp3 audio example.


Example 2

Se nell'esempio precedente abbiamo visto il suono di un solo accordo, ora, con la stessa ritmica, vediamo di suonare più accordi. Il problema principale è il cambio tra una diteggiatura e l'altra, che può comportare delle momentanee interruzioni, a volte impercettibili, a volte più evidenti (a seconda della difficoltà nelle impostazioni delle diteggiature). In questo caso non esistono regole obbligatorie per cambiare in modo fluido l'accordo.
Eventualmente si ricorre ad alcuni trucchetti. Uno di questi, il più utile sicuramente, consiste nell'utilizzo (dove possibile) delle dita comuni tra gli accordi. Ad esempio, nel G e nel D, il terzo dito si trova sulla seconda corda al terzo tasto, mentre nel Am e nel C il primo e il secondo dito rimangono fissi rispettivamente su seconda e quarta corda.
Nel caso non ci siano dita comuni, il sistema più conveniente da attuare nel cambio di accordo è quello di posizionare in sequenza le dita, solitamente dal dito più basso (inteso come numero, cioè l'indice o, nel caso non si usi l'indice, il medio).


Play and listen to mp3 audio example.


Example 3

La pennata può essere utilizzata anche su corde singole o gruppi di corde, all'interno della struttura di uno stesso accordo. Questo modo di suonare permette delle notevoli varianti nel sound globale dell'accordo stesso. Nell'esempio, suonato sul C maggiore, il plettro suona inizialmente sulla quinta corda, poi sulle prime quattro, poi sul gruppo quinta - quarta - terza ed infine di nuovo sulle prime quattro corde.
Nella parte superiore della partitura ho inserito la ritmica fatta senza variare le corde (in pratica suonando sempre su cinque corde), in modo da confrontarne la differenza con l'effettivo esempio a lato.

Play and listen to mp3 audio example.

Example 4

Nella pennata normale il plettro passa quasi istantaneamente su tutte le corde interessate dal movimento. In alcuni casi, però, la pennata può essere fatta scorrere sulle corde, facendo sentire nettamente il passaggio del plettro su ogni corda e ottenendo come risultato un accordo più marcato nelle note che lo compongono. Nelle partiture il simbolo che è possibile trovare è quello indicato sull'accordo in battere del secondo e del quarto movimento.

Play and listen to mp3 audio example.

Example 5

Anche l'arpeggio, solitamente eseguito con le dita della mano destra, può essere comunque suonato dal plettro. Di solito, la pennata segue il movimento della mano: pennata in giù, suonando le singole corde dalle basse alle acute, oppure in sù, suonando le singole corde dalle acute alle basse.

Play and listen to mp3 audio example.

E' opportuno ricordare che le tecniche di esecuzione chitarristica sono numerose, e anche nell'accompagnamento standard, come lo strumming, si possono trovare varie forme di pennata, per quanto riguarda la mano destra. E lo stesso discorso vale anche per la mano sinistra, che può utilizzare tutte quelle tecniche comuni nel chitarrista, sia acustico che elettrico.
Le tecniche analizzate fino ad ora sono quelle basilari all'accompagnamento semplice di una canzone. Nella pagina successiva vedremo qualche esempio pratico su giri armonici tipici dei brani più famosi, in modo da comprenderne a fondo tutte le possibilità ritmiche ed espressive.



Pagina precedente

torna all'inizio della pagina

Pagina successiva

Print