Anatomia della chitarra acustica
Struttura della chitarra classica
Struttura della chitarra folk Le varianti dello strumento

Tecniche di costruzione della chitarra acustica
I legni
Il corpo della chitarra
Il manico
La tastiera
Il ponte
La paletta
Il diapason

Anatomia della chitarra elettrica
Analisi della chitarra elettrica
Struttura della chitarra elettrica

Tecniche di costruzione della chitarra elettrica
Il body della chitarra
Il manico
Il pick-up: la voce dello strumento
Il pick-up single-coil
Il pick-up humbucking
Il pick-up splittabile
Il pick-up passivo
Il pick-up attivo
Volume e Tono
Il ponte fisso
Il ponte tremolo



...search in soundme:
  
Ricerca personalizzata

Le versioni della
chitarra acustica.

Sono numerose le varianti dello strumento acustico dovute alla ricerca di sempre nuove sonorità e prestazioni. Probabilmente quello che più interessa la ricerca è l'amplificazione della chitarra acustica. Infatti se in sala di registrazione un buon microfonaggio porta a dei risultati apprezzabili senza dare problemi, non si può dire la stessa cosa quando si suona dal vivo. Microfonare la chitarra sul palco comporta una serie di problemi da non sottovalutare, quali il rientro degli altri strumenti attraverso il microfono, oppure l'innesco (feedback) del microfono stesso. Per questi motivi la ricerca dell'uso di trasduttori dedicati allo scopo risale già agli anni '70.
Quasi tutte le aziende costruttrici di chitarre acustiche, sia folk che classiche, hanno in catalogo modelli dotati di trasduttore piezoelettrico. Questo è un piccolo blocco di materiale cristallino o ceramico incapsulato all'interno di un involucro di metallo o di plastica. Solitamente viene posizionato sotto l'osso del ponte, dove c'è il punto di massima vibrazione della tavola. Un cavetto collega il trasduttore ad una presa jack avvitata sulla cassa, alla quale si potrà collegare il cavo da mandare all'amplificazione. Questo in linea generale, in quanto tratteremo l'argomento più a fondo nelle pagine dedicate all'amplificazione della chitarra acustica.
Le varianti che si possono ottenere, sia come materiali che come forme, nel campo della chitarra acustica non sono molte. Alcune di queste hanno però creato dei modelli originali con una qualità di suono sorprendente. Vorrei citarne almeno un paio, per osservarne le caratteristiche fondamentali.

Le chitarre Ovation sono sicuramente state rivoluzionarie da un punto di vista tecnico. Infatti il loro progettatore, Charles Kaman, pensò di potere applicare alla chitarra acustica alcuni dei principi di acustica già sperimentati nella costruzione di aerei ed elicotteri (la Ovation, infatti, è stata fondata negli anni '60 come divisione dell' organizzazione aereospaziale Kaman).
La differenza sostanziale riscontrabile in un Ovation è il corpo: alla tavola superiore viene abbinato un fondo e una fascia laterale a forma di coppa arrotondata composta di materiale in fiberglass (detto Lyrachord). L'interno risulta così privo di rinforzi che possano in qualche modo bloccare il suono.La struttura delle raggiere sotto la tavola varia da modello a modello, ottenendo così varie versioni di chitarre, ognuna con un proprio timbro, adattabile ad un preciso genere musicale.
Come parecchi modelli acustici, anche le Ovation godono la fama di essere egregiamente amplificate da un circuito interno che può essere, a seconda dei casi, più o meno complesso. Il loro suono, anche sotto questo senso, resta comunque unico ed inimitabile.
Di più recente concezione la serie di chitarre canadesi sotto il marchio Godin. Queste presentano infatti una forma ed una suonabilità estremamente simili ad uno strumento elettrico, come si può notare anche dalla figura a fianco. Anche le Godin mostrano una tavola di legno unita ad un corpo in fibra, ma si differenziano concettualmente sotto l'aspetto sonoro, in quanto nate per essere amplificate. Il loro punto di forza consiste proprio nelle sonorità che sono in grado di offrire grazie ad un preamplificatore interno, ma anche per merito della loro particolare struttura interna, che monta una particolare cordiera armonica in legno, a cui viene attribuita la qualità acustica del suono nello strumento.
Un sistema comune a queste e a molti modelli di chitarra acustica è la preamplificazione. Infatti, mentre un comune trasduttore piezoelettrico, seppure di ottima qualità, trasmette il segnale rilevato delle vibrazioni armoniche delle corde senza manipolarlo all'amplificazione audio, il preamplificatore opera in modo da ottenere un controllo attivo sulla frequenza del segnale e sul volume che questo avrà in uscita a disposizione dell'apparato di amplificazione audio. Vari sono i modelli adottati dalle case produttrici, tra cui possiamo ricordare la serie elettroacustica delle chitarre Takamine, Taylor, Yamaha e Ibanez. Quasi tutte le marche di chitarra acustica hanno in catalogo strumenti preamplificati, senz'altro molto richiesti sul mercato e che comunque mantengono inalterato il loro ruolo principale che è, appunto, quello di essere prima di tutto una chitarra acustica.

 

Nella figura sottostante possiamo vedere uno dei modelli di punta della Ovation, la Adamas. La particolarità dello strumento nella tavola, costituita da due strati di fibra di carbonio che contengono al centro un lamina di legno di betulla. La rosa centrale è stata sostituita da una serie di 22 buche più piccole.


Sotto una veduta dall'alto del prospetto di una Ovation, con la caratteristica forma del corpo a coppa.


La Godin Acousticaster è una chitarra che alle caratteristiche tipiche di suonabilità di una chitarra elettrica, unisce la sonorità e la timbrica di uno strumento acustico.


Particolare del pannello di controllo del preamplificatore LR Baggs, montato di serie sulle classiche amplificate Alhambra 5P e 6P.


Pagina precedente

torna all'inizio della pagina


Print

Pagina successiva