La struttura del blues
Blues a dodici battute
Variazioni nel blues
Trasposizione armonica
Esempi di armonizzazioni
L'accompagnamento
Il ritmo nel blues
I bicordi
Ritmica a bicordi
Riff blues
L'improvvisazione nel blues
Il blues e la pentatonica
Il fraseggio blues
Blue Solo n° 1
Fraseggio su accordo singolo
Blue Solo n° 2



...search in soundme:
  
Ricerca personalizzata

Il ritmo nel blues


Occorre innanzitutto valutare una delle principali forme ritmiche utilizzate nel blues (ma anche in altri generi, ovviamente), che viene denominata come ritmica shuffle. E' molto importante ricordare che anche se nella partitura gli ottavi sono scritti normali, nella divisione ritmica shuffle questi devono comunque essere intesi come ottavi terzinati.
Solitamente in questi casi viene abbinato alla partitura il simbolo:
   che indica chiaramente l'obbligo di suonare gli ottavi con la classica cadenza ritmica terzinata, da alcuni chiamata anche "ottavi jazz feel" (quando inerente, appunto, al jazz), da altri chiamata, come già detto, "shuffle" (quando inerente al blues). Vediamo di prendere subito confidenza con questo sistema ritmico utilizzando come fonte di esempio la stessa base armonica del blues precedente, suonata però ad ottavi terzinati. E' utile precisare che il termine "shuffle" è più indicato per l'uso dei bicordi, mentre generalmente durante l'uso ad accordi si predilige il termine "ottavi terzinati".
In pratica basterebbe ascoltare la base midi del chorus che stiamo per analizzare per avere un idea di come viene a suonare questa ritmica, anche se consiglio comunque un occhiata alla sezione dedicata alla ritmica, e più precisamente al capitolo sulle terzine.

Chorus blues in A

Come vedete, la ritmica viene suddivisa ad ottavi suonati con pennata alternata. Questi ottavi devono però essere intesi come ottavi terzinati, e questo grazie alla presenza del simbolo di cui parlavamo sopra, presente all'inizio della partitura. Anche in questo caso, come nella pagina precedente, abbiamo usato accordi sviluppati su tre sole corde, per dare al contesto dell'esecuzione un timbro più compatto.
Il passo successivo consiste nello studio di più modelli ritmici, ognuno dei quali viene sviluppato in una sola battuta. A voi il compito di trasportarlo ritmicamente all'interno del chorus. Per capire meglio possiamo vedere il prossimo esempio.

Rhythm blues es. 1

La ritmica della singola battuta che vedete sopra deve essere riportata identica all'interno di ogni battuta del chorus blues che, per ora, verrà suonato con le stesse diteggiature, oramai perfettamente assimilate, viste nell'esercizio precedente. Di ogni esempio consiglio ai meno esperti l'ascolto della base midi allegata, per una migliore comprensione, ricordando che volendo ci si può suonare sopra, in quanto nella base le tracce di basso e chitarra sono rispettivamente sui canali destro e sinistro. Una volta assimilata la parte da suonare potete abbassare il volume del canale sinistro delle vostre casse, in modo che la traccia di chitarra venga abbassata di volume, dopo di che farete partire la base e ci suonerete voi la parte. E' un sistema molto utile e importante ai fini della completa assimilazione di queste (e altre) tecniche.
Di seguito trovate alcuni esempi di ritmiche sulle quali lavorare, uniti anche ai rispettivi midi-file che potrete scaricare. Attenzione. Ricordate che in questi esercizi la divisione ritmica degli ottavi è sempre terzinata.

Rhythm blues es. 1

es. 1
Scarica il midi file della base

Rhythm blues es. 2

es. 2
Scarica il midi file della base

Rhythm blues es. 3

es. 3
Scarica il midi file della base

Rhythm blues es. 4

es. 4
Scarica il midi file della base


E' convieniente suonare questi chorus blues molte volte per ogni singolo esempio ritmico, fino a raggiungere un buon controllo della ritmica. Il passo successivo consiste nel fare coesistere all'interno di un chorus più esempi ritmici, allo scopo di creare dele variazioni all'accompagnamento tale da rendere la sequenza di accordi molto varia, sempre ovviamente sotto l'aspetto ritmico. Vediamo il procedimento
Prendiamo spunto dalla partitura precedente, sostuendo la ritmica e inserendo ad esempio la ritmica dell'es. 2 nelle battute di A7, la ritmica dell'es. 3 nelle battute con il D7 e la ritmica dell'es.4 nell'accordo di E7. Potremo ottenere un risultato analogo.

Chorus blues in A

Come potete vedere (e ascoltare dalla base midi), la ritmica diventa più varia e complicata. Questo è dato dal fatto che unendo diverse ritmiche gli accordi si presentano con una forma ognuno diversa di interpretazione, rendendone piacevole l'ascolto. Quello visto sopra è solamente un esempio. Vostro compito sarà quello di cambiare le ritmiche, suonando, ad esempio, la battuta in A7 con la ritmica dell'es. 1, oppure la battuta del E7 con la ritmica dell'es. 2 eccetera. Nella pagina successiva analizzeremo i bicordi e l'uso dell'accompagnamento shuffle.


Pagina precedente

torna all'inizio della pagina


Print

Pagina successiva