Esercizi base 1
Esercizi base 2
Uso delle triadi
Fraseggio a triadi
Song
Fraseggio a Quadriadi
Chord Skip


Chord Skip


In riferimento alla precedente sezione dedicata alle quadriadi, vediamo ora come sviluppare una tecnica di arpeggio verticale sulle quadriadi stesse. Più precisamente utilizziamo una tecnica che personalmente adoro, e che consiste nel suonare una nota per corda a gruppi pari o dispari. I gruppi pari sono 6a, 4a e 2a corda, mentre i gruppi dispari 5a, 3a e 1a corda.
Nel nostro esempio il tutto si svolge all'interno di una tonalità, D maggiore o B minore (a seconda di come la volete intendere...è indifferente). Le note della quadriade vengono splittate sulle varie corde del gruppo di riferimento. Ma, un momento. Noi abbiamo tre corde, mentre le note della quadriade sono quattro. Infatti dovremo "eliminare" una nota.
Allora suoniamo una triade, direte voi... No. In effetti, pur avendo tre note, abbiamo eliminato un grado della quadriade, cioè il III°, ed è proprio questa "sospensione" dell'accordo che gli da una sonorità ambigua, se vogliamo definirla così. Come sempre all'atto pratico dell'ascolto vedremo quanto può esere interessante l'utilizzo di questo sistema di lavoro.



Quadriade splittata su gruppi dispari.
La scelta più comune in questo tipo di lavoro è l'uso dei gruppi dispari, cioè 5a, 3a e 1a corda. La tonalità che useremo come esempio (D maggiore o B minore) ci porta ad avere la sequenza degli accordi indicati. Suonate dapprima lentamente a pennata alternata, per poi velocizzare l'esecuzione. Nel video potete vedere come utilizzare la diteggiatura della mano sinistra.


Quadriade splittata su gruppi pari.
Stesso lavoro di logica costruttiva. Notare come le diteggiature sono le stesse rapportate, ovviamente, alle corde a alle posizioni diverse sulla tastiera.


Ex. #1
In questo esercizio lavoriamo sui gruppi dispari suonando doppia ogni singola nota delle diteggiature viste sopra.


Ex. #2
In questo esercizio lavoriamo sui gruppi pari, sempre suonando doppia ogni singola nota delle diteggiature.


Ex. #3
Armonia basata sui due accordi indicati ma con uso di slide che collegano le varie posizioni.


Ex. #4
Le diteggiature degli accordi si intersecano in modo tale da suonare entrambi i gruppi di corde.


Ex. #5
Come sopra, le diteggiature degli accordi suonano entrambi i gruppi di corde ma anche e soprattutto utilizzano armonie diverse. L'accordo di Em viene suonato solo con due gradi (E 5a corda, E un ottava sopra, 3a corda, e B, 1a corda). Il D6 utilizza appunto il VI° (nota B) al posto del e cos' via.




Pagina precedente

torna all'inizio della pagina
Inizio pagina

Pagina successiva

Print