Costruzione delle triadi
Tabella delle triadi
Analisi e pratica
Triadi in tutte le tonalità
Diteggiatura
Esercizi tecnici
I rivolti
Triadi allargate
Accompagnamento
Triadi e Scale Maggiori
Triadi e Scale Minori
Triadi ADD9


Armonia e accompagnamento

Un ottimo uso delle triadi è quello relativo all'accompagnamento. In pratica, quando si suonano gli accordi durante la ritmica, ad esempio, di una parte cantata, può essere opportuno ed interessante allo stesso tempo variare le diteggiature standard degli accordi con quelle più "ridotte" delle triadi. In questo modo è possibile sfruttare più posizioni per abbellire e armonizzare il singolo accordo.
Per iniziare a fare pratica proviamo a lavorare su di una semplice linea ritmica a pedale, intesa come una struttura armonica fissa su di un solo accordo, come potrebbe essere questo C maggiore in prima posizione.

Occorre ricordare che un accordo di base è già una triade. Nella diteggiatura di un'accordo la triade stessa viene abbellita raddoppiando una o più note,come nel caso nelle diteggiature maggiori o minori nelle prime posizioni o con gli accordi a barrè.
Proviamo ora ad utilizzare una sequenza di triadi di C maggiore che suonano sulla ritmica appena vista. In questo esempio uso alcune diteggiature della triade di C suonandole in posizioni diverse e su gruppi diversi di corde.

Anche la disposizione ritmica delle triadi stesse può (e deve) essere utile ai fini dell'armonizzazione di un accordo. Nella parte appena vista le diteggiature anticipavano di un ottavo il cambio di battuta creando la cosìdetta sincope ritmica.
Nell'esempio successivo sviluppiamo una ritmica su ognuna delle diteggiature

Un altro sistema molto utilizzato è quello che prevede un cambio continuo tra le diteggiature delle triadi. Nell'esempio a fianco in ogni battuta viene suonata la sequenza di triadi così come indicato. La scelta della ritmica è puramente indicativa.

 

Un ragionamento analogo può essere mantenuto anche nel caso in cui si voglia armonizzare a triadi su sequenze di accordi diversi. Osserviamo questa base armonica di esempio:

Se volessimo utilizzare un paio di diteggiature da sovrapporre all'accordo base potremo suonare una cosa di questo tipo:

Ad ogni accordo ho abbinato due diteggiature della stessa triade facendo in modo di suonarle in posizioni diverse ma non slegate, mantenendo così una o due note comuni. Inoltre la ritmica prevede un andamento "sincopato interno" grazie all'anticipo dell'ottavo in levare a metà battuta.
Nell'esempio seguente troviamo un movimento ritmico più accentuato grazie all'uso delle triadi in levare. Interessante notare come cambia la sonorità pur mantenendo le stesse diteggiature del precedente esercizio.




Pagina precedente

torna all'inizio della pagina
Inizio pagina

Pagina successiva

Print